Pensieri su… “La mediocrazia”

Un libro che fa più che riflettere sulla società di oggi “La mediocrazia” (2017) di Alain Deneault. Grazie all’editore Neri Pozza per questo interessantissimo invio. Un libro che ho letto, meditato e sottolineato.

Non si parla soltanto di mediocrazia ma anche di università, terzo mondo e aiuti umanitari, politica, cultura e molto altro. Non tutto è come sembra e purtroppo tutto gira intorno all’interesse. In pochi governano le cose. Gli altri, la maggior parte, vengono relegati nella mediocrazia: non devono essere degli sciocchi ma neanche dei geni. L’importante è che siano pedine utili e facilmente manovrabili. Un libro scritto con un linguaggio forbito che vi aprirà gli occhi sul mondo in cui vivete e sulla vostra stessa vita.

Il tema della mediocrazia viene affrontato soprattutto all’inizio del libro, poi gli argomenti cominciano a spaziare. Ad esempio, si parla della cultura e degli artisti. “L’arte per l’amore dell’arte” non sembra esistere più al giorno d’oggi: lo scopo dell’arte è vendere. E gli artisti vengono usati da chi li ha appoggiati nel loro cammino.

Numerose le citazioni e i nomi e cognomi di chi ha il potere ad alti livelli e non compare mai.

Interessante il paragrafo sulla televisione, considerata una finestra sul mondo che mostra volti noti che diventano, per gli spettatori, familiari. Ma non tutto è come appare… La televisione non è un mezzo di aggregazione ma di disgregazione: tutti a guardare la stessa cosa ma isolati dagli altri.

La soluzione a un mondo sbagliato compare nell’ultimo paragrafo, in cui si raccomanda di fare qualcosa, qualsiasi cosa. Si auspica di rompere con il passato per dare vita a una nuova generazione che sarà migliore. Non credo sia così facile… Comunque, vale la pena tentare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>