Mamma Gaia

Questa poesia non è mia ma valeva la pena pubblicarla.

Mamma Gaia

Vedo.

Dai calori di gioventù ricavasti brufoli esplosivi.

Così i tuoi umori generano vènti:

con alcuni ti schiaffeggi nei mari,

sulle montagne maestose

per tenerti vigile.

Il complice d’amore ti brucia il ventre nel deserto.

A volte incendia la tua pelle profumata

ma la nuova non marca sfregi.

Tu ricrei te stessa nuova e migliore.

Egli ti bacia e carezza tutta e ti ama. Lo vuoi!

Ai tuoi figli dài il respiro e senti sospiri e risate.

Tu ascolti e doni senza risparmio

dal profondo dei tuoi cristalli

allo sguardo sul firmamento. Lo senti.

Perché tu sei del firmamento.

Guardando te vedo me stesso.

Ma il segreto…

Le armonie della tua vitalità

nessuno le sente.

Traversi l’Universo

cantando

e lo tieni per te.

Tu ricrei te stessa nuova e migliore.

Guardando te vedo me stesso…

Mamma, ti prego

svelami i tuoi segreti.

Poggio Mirteto, 04 novembre 2017

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>