Pensieri su… “I traditori”

“I traditori” (Astoria Edizioni 2018) di Tammy Cohen è un romanzo uscito proprio a ottobre 2018, che ho ricevuto in anteprima e semplicemente divorato. Come è stato per “La cattiva”, della stessa autrice.

Finito questo libro non avevo voglia di leggere nient’altro. Era come se volessi continuare quella stessa storia, perché il finale lascia veramente con gli occhi sgranati! Non guardate l’indice prima della lettura, potrebbe svelarvi il finale.

La traduzione non mi è piaciuta particolarmente.

Diciamo che i protagonisti della storia sono quattro, due coppie: Josh e Hannah con la loro figlia Lily, e Dan e Sasha con la figlioletta September.

Ulteriori dettagli sui personaggi potrebbero rovinare la lettura, quindi li eviterò. È più bello che il lettore scopra i dettagli per conto proprio, pagina dopo pagina.

Una delle due coppie va in pezzi. E l’altra coppia si trova in mezzo, tra l’uno e l’altra, volendo ostentatamente rimanere imparziale ma in realtà prendendo di volta in volta le parti di una o dell’altro.

Ripicche, ricatti, parole dette dietro le spalle, strani episodi e sgradevoli incidenti piovono a valanga. Ma chi ha fatto cosa? Cosa è vero e cosa no?

Sono tante le cose non dette anche nella coppia che è rimasta insieme ma che a sua volta sta affrontando una crisi. Insieme ai problemi e al non detto arriva l’alcol a cercare inutilmente di risolvere tutto. Poi ci sono le bambine con i loro piccoli grandi problemi. E in mezzo a tutto questo i personaggi riescono anche a perdonare e a perdonarsi.

La situazione diventa sempre più grave e più volte sembra che l’amicizia tra Hannah e Sasha, e tra Josh e Dan stia per finire. Più volte la coppia ancora salda in apparenza cerca di troncare il legame con gli altri due, che li trascinano nei loro problemi, tra lamentele e avvocati. Finché la situazione precipita. Più in basso di così non si può andare, finché si arriva a una conclusione.

Essendo sia giornalista che insegnante mi hanno colpita due riflessioni. Hannah, giornalista freelance, ha la sensazione che i giornali pensino che i giornalisti lavorino per passione e basta. Anche. Ma è un lavoro, non un hobby. Josh, un professore, sente che gli altri non capiscano quanto sia stressante e impegnativo insegnare, stare davanti a una classe. Insegnare non è soltanto fare lezione: spesso i ragazzi possono dire qualcosa di inappropriato e vanno ripresi appropriatamente. L’insegnante cammina sempre su un filo sottile e deve stare attento a non cadere.

Intanto alle pagine della storia presente si alterna quella del passato di una bambina. Ma chi è?