Tortini di polenta con salmone

Nuova delizia del nostro Ratatouille romano! Assolutamente da provare!
 

Per quattro persone

Difficoltà: medio bassa

Tempo: 1 ora

 

Ingredienti per il tortino:

Farina di polenta​​ gr.250

Filetto di salmone (o trancio)​ gr.150

Uova​​​​ 4

Paprica​​​​ 2 cucchiaini

Prezzemolo ​​​q.b.

 

Ingredienti per la salsa:

Ravanelli ​​​15

Carota​​​​ 1

Asparagi​​​ 30

Passata di pomodoro​​ 2 bicchieri

Pomodori rossi​​​ 3

Aglio in polvere ​​​1 cucchiaino

Zucchero​​​ 1 cucchiaio

Sale​​​​ q.b.

Olio E.V.O​​​ q.b.

Burro​​​​ q.b.

Parmigiano grattugiato ​​q.b.

 

Preparazione

In padella cuocere a mezza cottura in poco olio quattro pezzi di salmone un poco più piccoli degli anelli di acciaio (vedi misure più sotto).

Nel modo consueto cuocere la polenta aggiungendo quanto basta di sale e la paprica.

Porre in una teglia adeguata imburrata quattro anelli da cucina in acciaio di diametro cm 10 e altezza cm 6 imburrati internamente.

Colare la polenta ancora caldissima negli anelli per un terzo dell’altezza.

Porre i quattro pezzi di salmone negli anelli e continuare a colare la polenta fino ad un centimetro e mezzo dalla loro altezza coprendo interamente i pezzi di salmone.

Con l’aiuto di un cucchiaino o di un manico di mestolo creare una depressione al centro dell’anello sulla polenta. Cospargere ora la superficie con un pizzico di prezzemolo.

Lasciare raffreddare la polenta negli anelli.

Nel frattempo spaccare i ravanelli. Pulire la carota e tagliarla a pezzetti. Staccare gli steli agli asparagi mettendo da parte le punte.

Togliere la buccia ai pomodori rossi a freddo. Tagliare a metà i pomodori. Dividere la polpa dalla parte interna coi semi. Tagliare la polpa a tocchetti e mettere da parte il succo coi semini.

In una padella adeguata cuocere a mezza cottura le uova cercando di non rompere i gusci del tuorlo. Lasciare raffreddare le uova coperte.

Tritare in un frullatore i ravanelli, la carota e il succo coi semini dei pomodori, aggiungendo due cucchiai di olio.

In un tegame porre mezzo bicchiere d’olio, il trito di verdure, l’aglio, la passata di pomodoro, le punte degli asparagi e sale q.b. Lasciare cuocere mescolando di tanto in tanto.

A fine cottura aggiungere alla salsa i pezzetti di polpa di pomodoro e lo zucchero mescolando delicatamente e amalgamando.

Porre le uova negli anelli sopra la polenta raffreddata tenendo al centro i tuorli che entreranno nella piccola depressione.

Aggiungere un po’ della salsa sulle uova in modo da coprirle raggiungendo il colmo degli anelli.

Togliere gli anelli dalla polenta ottenendo delle tortine. Se gli anelli non vengono via subito, aiutarsi con un coltellino. Non far caso alla colatura della salsa.

Porre la teglia con gli anelli in forno a 200° ventilato per 20 minuti circa.

 

Impiattamento

Usare piatti piani a base larga.

Porre come base la salsa.

Posizionare al centro i tortini.

Se piace intorno ai tortini, sulla salsa di base, spolverizzare del parmigiano grattugiato.

 

Al vostro appetito una buona soddisfazione.

Polenta marinara

 Il nostro Ratatouille romano questa volta si è davvero superato! Ecco una polenta leggera e adatta non solo alle fredde giornate invernali ma anche ai periodi meno freddi. Da provare! 

Per quattro persone

Difficoltà: media 

Ingredienti:

Farina di polenta​ Due tazze medie

Burro​​​ q.b.

Salvia tritata​​ Mezzo cucchiaio

Menta​​​ Un cucchiaio

Noci​​​ Una tazza

Tonno​​​ Due scatolette preconfezionate

Miele​​​ A piacere

Sale​​​ q.b.

Olio E.V.O.​​ Un cucchiaio

Preparazione:

In una pentola antiaderente portare a bollire quattro tazze di media grandezza di acqua.

Mentre l’acqua bolle versare poco alla volta due tazze di farina di polenta setacciata.

Aggiungere due cucchiaini di sale.

Quando la farina si sarà compattata abbastanza, porre la pentola a bagnomaria in un’altra pentola più grande per circa venticinque minuti aggiungendo tre noci di burro e mescolando di tanto in tanto la polenta.

Riversare quindi la polenta in una teglia imburrata, di forma a piacere, in modo che stendendola raggiunga lo spessore massimo di due centimetri o poco più.

Porre la teglia in frigorifero per almeno due ore. Si potrà porla preventivamente per un po’ in freezer per accorciare i tempi di raffreddamento.

Nel frattempo ricavare una tazza di noci sgusciate. Triturarle grossolanamente con un frullatore.

Triturare finemente due scatole di tonno all’olio di oliva.

In una ciotola preferibilmente di ceramica porre le noci tritate e il tonno.

Aggiungere mezzo cucchiaino di sale, mezzo cucchiaio di salvia tritata, un cucchiaio raso di menta tritata e un cucchiaio di olio E.V.O. mescolando bene il composto. Lasciare a macerare il tutto.

Riprendere la teglia dal frigorifero e porla su fuoco allegro per qualche minuto. Poi togliere la polenta dalla teglia con attenzione e dopo averne imburrato di nuovo il fondo, rigirare la polenta per cuocerla anche nell’altro lato. La polenta imbrunirà diventando abbastanza croccante.

A cottura ultimata trasferire la polenta su un piatto da portata adeguato.

Colare il miele sulla superficie della polenta, senza bisogno di spalmarlo, nella quantità che si desidera.  Porre il composto macerato sulla superficie della polenta coprendola uniformemente e abbondando leggermente.

Se si vuole consumare caldo, tenere la polenta così farcita in forno preriscaldato non ventilato a 250° per cinque minuti.

Al vostro appetito una buona soddisfazione.