Pensieri su… “Il matrimonio delle bugie”

Letto in tre giorni “Il matrimonio delle bugie” di Kimberly Belle (Newton Compton Editori). Una volta cominciato è impossibile smettere di leggerlo. Sembra un film, una pellicola che scorre e non riesce a fermarsi.

La traduzione mi è piaciuta abbastanza. Solo a pag. 209 ho trovato “spessi sopraccigli” al posto di “spesse sopracciglia”.

Tutto comincia con la vita di una coppia felice. Iris e Will vivono ad Atlanta e hanno tutto quello che potrebbero desiderare: l’amore, insieme a una bella casa, il lavoro e il classico mutuo, che sono felici di pagare per vivere nella villa dei loro sogni.

Tutto è perfetto, si amano alla follia e sono uno il migliore amico dell’altra.

Finché Will prende l’aereo per andare a una conferenza a Orlando. Quella stessa mattina un aereo precipita. Iris apprende la notizia ma si tranquillizza: Will era su un altro aereo. E invece no, viaggiava proprio su quello. Ma perché era sull’aereo sbagliato? La donna cade nella disperazione più nera. E mentre è sepolta dal dolore comincia lentamente a scoprire che il passato del marito non è come lo immaginava. Per quel poco che aveva potuto immaginare, perché Will era sempre stato molto evasivo. E lei non aveva mai voluto approfondire.

Esiste davvero il Will che conosceva? Comincia a chiederselo quando arriva a conoscere il suo passato, lontano e recente. Ad aiutarla nelle sue indagini i suoi genitori, suo fratello Dave e il marito James; e poi un avvocato, Evan, che ha perso moglie e figlia nel disastro aereo; e Corman, un amico di Will. Ma prima o poi tutti i nodi vengono al pettine…

A un certo punto si legge: “Un cuore a pezzi rischia sempre di renderti idiota”. E anche: “Vediamo quello che vogliamo vedere”, e si dice che ascoltiamo solo quello che vogliamo ascoltare. E succede davvero.

Domande, indizi e colpi di scena scandiscono questa storia che non delude mai ad ogni pagina. Passo dopo passo si arriva alla verità, come trascinati da un fiume in piena.

Non sono riuscita a smettere di leggere questo libro per tre giorni. Il miglior thriller Newton Compton che abbia letto finora.

Pensieri su… “La cattiva”


Astoria mi ha fatto un bellissimo regalo con l'invio del thriller "La cattiva" (2017) di Tammy Cohen!

La storia è a dir poco appassionante. Ogni capitolo ha come titolo il nome di uno dei protagonisti, tranne l'epilogo. C'è Anne, che ha avuto in cura tanti anni prima una bambina che aveva vissuto un'infanzia molto difficile. Non era stata maltrattata ma i suoi genitori avevano problemi psichici. E trattavano il suo fratellino come fosse un animale, anzi, peggio. Questa storia è raccontata in prima persona nei capitoli intitolati "Anne". Una donna che si trova davanti a un terribile crimine che forse si sarebbe potuto evitare facendo scelte diverse tanti anni prima.

Allo stesso tempo viene raccontata in terza persona la vicenda che si è svolta nell'ufficio, dando a ogni capitolo il titolo dell'impiegato a cui si riferisce. Ed è questo che fa entrare il lettore nella storia, perché tutti più o meno si ritrovano in una situazione comune come quella di un ufficio. Tantissime persone lavorano in ufficio e chi non ci lavora è entrato in vari uffici per molteplici ragioni e ne ha un'idea.

In questo modo il crimine di cui si è testimoni riguarda un contesto sociale comune e noto e sembra incredibilmente vicino a chi legge.

Ci si aspetta continuamente che succeda qualcosa di terribile e si sospetta ad alternanza di tutti gli impiegati e della loro nuova capa, compresa la donna di cui quest'ultima ha preso il posto. Io, almeno, ho sospettato ad alternanza un po’ di tutti. Poi il colpo di scena che nessuno si aspettava! E che non posso certo svelarvi…

Finché il dubbio tocca due persone e il crimine si compie, svelando il nome atteso dall’inizio del libro, la persona che Anne conosceva e delle cui azioni era stata informata.

Assolutamente da leggere!