Festa di asparagi e spinaci

di Ratatouille Romano :)

INGREDIENTI:
Per tre o quattro persone.

Asparagi – una confezione.
Spinaci – leggere le indicazioni sulla confezione e regolarsi di conseguenza.
Sale q.b.
Biscotti – uno o due. Ovvero Miele q.b. Ovvero Caramello q.b.
Burro – Una noce piccola.
Parmigiano Reggiano – q.b.
Olio extra vergine di oliva – q.b.
Aglio in polvere – q.b.
Curry – q.b. (facoltativo)
Succo di mezzo limone.
Mezze noci – q.b. (facoltativo)
Praline di mozzarella – q.b. (facoltativo)
Pistacchi – q.b. (facoltativo)

Procedimento.
Aprire una confezione di asparagi e dividere le infiorescenze superiori dai gambi.
In una casseruola far cuocere in acqua semplice e un poco di sale tutte queste parti insieme.
In un’altra casseruola far cuocere gli spinaci (debitamente puliti) in acqua semplice e un poco di sale.
Quando le loro cotture sono quasi completate ( saggiare con una forchetta o assaggiare), scolare asparagi e spinaci mischiando i loro liquidi in una stessa piletta senza però unire i due ingredienti.
Far cadere sopra i due ingredienti acqua fredda corrente tenendoli in due scolatoi separati. Si può anche metterli a bagno in contenitori con acqua e ghiaccio, scolandoli dopo qualche minuto di nuovo nel lavandino. Il tutto serve per far mantenere alle verdure il loro colorito originario.
Ora è il momento di irrorare gli spinaci con il succo di mezzo limone.

LA SALSINA
Prelevare dai gambi degli asparagi circa tre centimetri della loro lunghezza e metterli in una terrina insieme ad una presa di spinaci.
Aggiungere nella terrina uno o due biscotti a piacere ( serve per rendere un poco più densa la salsina altrimenti ancora troppo liquida) o del miele, ovvero del caramello (anche zucchero caramellato) e una piccola noce di burro (facoltativa).
Lavorare il tutto con un pimer o inserirlo in un omogeneizzatore (lavorando a velocità media) fino ad ottenere un composto mediamente denso e profumato.

Ora tagliare a metà in lunghezza ciò che è rimasto dei gambi degli asparagi.

IL GIOCO!
Scaldare il fondo di una piccola padella antiaderente a temperatura sostenuta.
Versare uno strato fine ed uniforme di parmigiano Reggiano su tutta la sua superficie.
Quando il parmigiano inizia a imbrunire (non farlo bruciare!), con un mestolino piatto o con una forchetta, staccare pian pianino i bordi e via via tutta la pizzetta di parmigiano dalla padellina e porla immediatamente in una ciotolina di adeguata larghezza in modo che il parmigiano così ancora caldo (aiutato un po’ con le mani) acquisti la forma della ciotolina e si raffreddi.
Ripetere il procedimento per il numero di commensali.
Avremo così delle “ciotoline” di parmigiano!

Poco prima di servire, porre gli asparagi rimasti (gambi dimezzati e infiorescenze) e gli spinaci in due piccole padelle separate per finire la cottura (qualche minuto), aggiungendo un po’ di olio extravergine di oliva e quanto serve del liquido prima ricavato dalla scolatura degli asparagi e degli spinaci, al fine di non far abbrutire questi ingredienti.
Insaporiamo gli spinaci con un po’ di aglio in polvere e del curry (poco).

A servire.

Impiattiamo mettendo le “ciotoline” di parmigiano in un piattino.
Inseriamo i gambi smezzati degli asparagi poggiandoli, per la base piatta, dal fondo ai bordi della ciotolina.
Sul fondo mettiamo un po’ di spinaci; sopra un po’ di salsina nella quale inseriremo le infiorescenze degli asparagi che tenderanno verso l’esterno della ciotolina formando un bel sole di verdura.
In mezzo, sulla salsina, potremo anche inserire mezza noce. Ovvero una pralina di mozzarella. Ovvero qualche pistacchio sminuzzato. Insomma qualcosa di sfizioso. Più per coreografia che per esigenze gastronomiche.
Ecco un contorno che, oltre a deliziare, stuzzicherà l’appetito e divertirà i vostri commensali.

Buon appetito!