Gli occhi foderati di… amicizia


Può succedere di interpretare bonariamente piccoli gesti ai quali quasi non facciamo caso, perché a compierli è una persona che riteniamo amica.
Poi un giorno ci svegliamo come da un sogno e guardiamo le cose con occhi diversi. Magari rispolveriamo vecchi messaggi al cellulare e ci rendiamo conto della malizia, dell’invidia, delle punzecchiature che erano presenti in frasi che tempo prima consideravamo innocue. Ci ritroviamo a leggere con obiettività pensieri che mostravano chi era la persona che avevamo davanti, come ci considerava e dove voleva arrivare. Leggiamo tra le righe che non voleva scherzare ma mettere in luce un difetto; non voleva farci conoscere un suo amico ma tenerci lontane/i da lui/lei; o magari che non aveva voglia di passare una serata con noi ma solo divertirsi a far desiderare la sua compagnia, lasciandoci in sospeso fino all’ultimo momento sulla sua presenza, poi negata. E allora ci chiediamo: perché non ho capito tutto subito? La risposta è semplice, succede anche in amore: davamo per scontata la buona fede dell’altra persona, ci contavamo. In pratica, avevamo gli occhi foderati di… amicizia!

Pensieri su… “La modista”

“La modista” (Garzanti 2008) di Andrea Vitali è un libro che mi è capitato per caso: stava per essere buttato ma sono arrivata in tempo!

Una miriade di personaggi si muove a Bellano, a cominciare dai militari della piccola caserma dei carabinieri (che ne conta solo tre). Poi c’è la bella modista, sfortunata in amore, che spera in un buon matrimonio per fare la signora. Non poteva mancare il giornalista del paese, ricco di famiglia e che lavora per divertimento, che vive con l’anziana madre, una cuoca è una cameriera. Tre ladruncoli di zona, il sindaco, i dipendenti comunali, le sorelle farmaciste, il parroco.

Elencati uno dopo l’altro sembra di non poterli ricordare ma la stesura di questo libro, che li introduce pian piano uno, permette di imparare a conoscerli senza mai confonderli.

Un romanzo corale che intreccia le vite di tutti, anche quelle esistenze che fino alla pagina prima sembrava non avessero nulla in comune…

Non esiste una vera e propria trama. Si parte da un furto in comune, che sembra quasi un pretesto per cominciare a far intrecciare le vite di tutti: il maresciallo Accadi invaghito della modista Anna Montani, il sindaco che non si decide a far aggiustare i bagni della caserma, i ladri e le loro avventure… E poi via, verso un intreccio di vite e situazioni che si incastrano alla perfezione. Mentre la vita scorre con accadimenti sempre nuovi, fraintendimenti e bugie.

Simpatico il punto in cui ci si chiede se dei fatti del paese ne sappiano di più i carabinieri o i giornalisti.

I capitoli sono brevi e si leggono in maniera molto scorrevole. Il libro è ricco di dialoghi, che spesso si alternano a frasi dal discorso indiretto. Poi riprendono le virgolette.

C’è anche un articolo scritto dal giornalista del paese, un articolo che oggi non si scriverebbe più così. L’autore sembra dare giudizi propri e metterci la sua opinione. Un pezzo lontano dall’oggettività, pur descrivendo i fatti. Oggi non si scriverebbe più così.

“La fine dell’estate (1992-2015)” in eBook!

È appena uscita la versione eBook per il mercato mondiale del mio romanzo breve “La fine dell’estate (1992-2015)”, edito da LFA Publisher, a soli euro 2,49.

La versione per eReader è uscita proprio ora che l’estate sta finendo, esattamente nel periodo in cui è ambientato il libro.

Un romanzo breve con protagonista un’adulta che ripensa a un’estate del 1992 sul litorale romano, quando era una ragazzina e assisteva alle vicende di alcuni adolescenti, tra i quali sua sorella. Il lettore entrerà nel mondo dei ragazzi, parallelo e troppo spesso sconosciuto agli adulti.

Non mancheranno i pettegolezzi estivi, la vita tra la spiaggia e le serate con gli amici. E la vita di tutti i giorni che aspetta dietro l’angolo dell’ultimo giorno di agosto. Ed ecco riaffiorare i pensieri della ragazzina di tanti anni prima nei ricordi della donna che scrive questa sorta di diario. Il racconto di un’epoca in cui le notizie fluivano senza social network, senza internet e senza cellulari. E per chiamare gli amici si andava sotto casa e si suonava al citofono.

Un romanzo per i ragazzi e per gli adulti, con brevi passaggi di una presente estate trascorsa dalla protagonista a San Vito Lo Capo, in Sicilia.

Ma ovunque si passino i mesi più caldi dell’anno, arriva sempre inesorabile la fine dell’estate, che lascia, a volte per la vita, il sapore dei ricordi estivi.

Il libro può essere scaricato in versione eBook dal link https://www.bookrepublic.it/book/9788833430669-la-fine-dellestate-1992-2015/

www.lfaeditorenapoli.it

Buona lettura! ⛱