Il Regno delle Quadrobambole

È uscito il mio nuovo libro ambientato nel mondo delle Quadrobambole: “Il Regno delle Quadrobambole – Filastrocche su principi, principesse, re e regine” (EdiGio’)! Come suggerisce il titolo, si tratta di una raccolta di filastrocche, ognuna accompagnata da un disegno da colorare. Un libro che mette di buonumore e che non vedevo l’ora venisse pubblicato!

Nel Regno delle Quadrobambole le streghe hanno scritto tante filastrocche su re, regine, principi e principesse. Hanno raccontato di una famiglia reale che aveva paura di un innocuo fantasma del castello; di principesse in cerca di un principe che le sposi; di una principessa che si è salvata da sola dalla torre in cui era imprigionata; e poi ci sono ranocchi che possono trasformarsi in principi! Tante filastrocche per ridere e sorridere, insieme a illustrazioni tutte da colorare.

Pensieri su… “Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop”

Avevo sentito parlare del film ma non l’ho visto. Poi a casa di una persona mi sono imbattuta nel libro “Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop” di Fannie Flag. E me lo ha prestato. È un’edizione Mondadori del 1993. Il libro è stato scritto nel 1987.

 Non l’ho letto subito ma, una volta iniziato, era impossibile smettere! I punti di vista e le storie sono innumerevoli. Si parte con la protagonista: Evelyn Couch. Una donna grassa e insicura che ha sempre vissuto con la paura di essere giudicata. Andando a trovare ogni domenica, insieme al marito, la suocera in una casa di riposo, s’imbatte nella signora Virginia Threadgoode, detta Ninny. Un’anziana che, senza conoscere Evelyn, comincia a raccontarle del suo passato e del caffè di Whistle Stop. E così, dagli anni Ottanta, si passa agli anni Venti, Trenta, Quaranta, Cinquanta e Sessanta. Evelyn comincia ad appassionarsi ai racconti della vecchia signora e le sembra di conoscere tutta quella gente che popolava Whistle Stop tanti anni prima… ed è sembrato lo stesso anche a me! A volte è la signora Threadgoode a raccontare, altre il bollettino di Whistle Stop della signora Dot Weems o altri comunicati simili di altre città, altre ancora il racconto è affidato al narratore, che svela quello che la signora Threadgoode non sa. Ed ecco spuntare la famiglia Threadgoode che aveva adottato la narratrice, Ninny, e i suoi numerosi fratelli come Idgie e la sua dolce metà Ruth e il loro piccolo Stump. Ma i personaggi e le storie sono davvero tanti. Passato e presente scorrono sulle pagine. E lentamente Evelyn si risveglia dal torpore che l’ha bloccata per tutta la vita e, incoraggiata dalla signora Threadgoode, prende le redini della propria vita.

Nella storia entrano i temi dell’omosessualità e del razzismo, della compassione verso chi ha bisogno, del perdono, della morte e dell’amore. La vita non scorre per niente tranquilla a Whistle Stop e ognuno dà il suo contributo tra rappresentazioni teatrali, fughe, incidenti e anche un omicidio! All’improvviso, infatti, scompare Bennett, il marito di Ruth. Ma il suo cadavere non viene mai trovato. Solo che anni dopo la scomparsa vengono accusati Idgie e Big George, che lavorano al Caffè. Ma sono stati davvero loro a uccidere quell’uomo? E che fine ha fatto? Una volta scoperto, non ve lo dimenticherete più!

Un libro che lascia ottimi insegnamenti, sa far commuovere, sorridere e ridere di cuore, e tutto con grande semplicità. Leggere questo libro è come mangiare dei biscotti caldi fatti in casa. Quelli che vedete nella foto (e che non ho preparato io) hanno il profumo di casa. È stato un vero piacere mangiarli mentre leggevo questo libro semplice e avvincente.

Ogni capitolo potrebbe essere un racconto a sé stante ed è perfetto così.

Pensieri su… “Era il mio migliore amico”

Newton Compton editori mi ha fatto una graditissima sorpresa con l’invio di “Era il mio migliore amico” di Gilly Macmillan (in uscita il 9 novembre 2017). La caratteristica di questa scrittrice è di scrivere romanzi che si svolgono in pochi giorni. In un turbinio di piccoli accadimenti e di particolari che si aggiungono uno all’altro, i suoi thriller trovano una soluzione.

Pochi giorni anche in questo caso per scoprire cosa sia successo a Noah Sadler, ragazzo malato allo stadio terminale. Siamo in Inghilterra, a Bristol. Noah, insieme al suo migliore amico Abdi Mahad, di origine somala, si era allontanato da casa di notte. Ma perché? Noah è caduto in acqua in un canale di Bristol ed è entrato in coma. E una testimone afferma che sia stato proprio il suo amico Abdi a spingerlo in acqua.

Una giornalista ed ex poliziotta, oltre che ex fidanzata di Jim Clemo, il detective che si occupa delle indagini, comincia a interessarsi al caso e ne fa una questione razziale. Ma perché nella maggior parte dei romanzi i giornalisti sono esseri senza scrupoli che pubblicano fatti montati o non veri e trovano notizie in modi poco leciti? Perché vogliono sempre scrivere la “loro” storia, per mandare l’articolo o il servizio nel modo in cui vogliono, troppo spesso lontano dai fatti? Io non mi sento così e sono un po’ stanca di questo ritratto che si fa dei giornalisti.

La storia è avvincente (ho saltato la mia fermata in treno, perché ero presa dalla lettura). Non ci sono capitoli: il libro è diviso in giorni. Intanto i personaggi si esprimono liberamente in prima persona, svelando goccia dopo goccia tutti i particolari.

Ognuno fa il suo lavoro e ha la sua storia. Tra i protagonisti c’è il detective Clemo, che sta cercando di risolvere il caso e non vuole sbagliare come è successo in un caso precedente. I genitori di Noah stanno ormai insieme solo per amore del figlio. La signora Sadler vive solo per suo figlio. Il signor Sadler è un fotografo e ha inaugurato una mostra su un campo profughi in cui hanno vissuto anche i genitori di Abdi. Questi ultimi hanno anche una figlia, Sophia, che cerca la verità sulla notte in cui Abdi e Noah sono usciti di notte.

Si scopriranno molti retroscena, soprattutto relativi al rapporto tra i due amici, al legame che avevano con altri ragazzi a scuola e al rendimento scolastico.

Da tutte le parti si cerca la verità, che alla fine verrà fuori, inaspettata, portando con sé anche il segreto della famiglia di Abdi, un segreto che il ragazzo aveva scoperto la notte in cui era uscito di nascosto con Noah…

La traduzione non mi ha entusiasmata. Cito due esempi.

“Mi ha trovato la via”: probabilmente da “to find a way” che si traduce “ha trovato un modo”. Quindi: “Ha trovato un modo”.

“L’ho presa”: riferito a una fotografia, probabilmente da “to take a picture/photo” che si traduce “fare/scattare una foto”. Quindi: “L’ho fatta/scattata”.

Della stessa autrice avevo già letto “La ragazza perfetta”, un libro da cui era difficile staccare gli occhi. Trovate la recensione in questo blog.