Pensieri su… “Quelli che incontri a Roma e poi te li scordi”

Nato dalla tesi di laurea dell’autrice Elisa Martino, “Quelli che incontri a Roma e poi te li scordi” (Pan di Lettere) è una vera chicca. Per restare in tema, ho usato come segnalibro un Birg (biglietto giornaliero) utilizzato sui mezzi pubblici di Roma.

Continua a leggere

Pensieri su… “Piccolo manuale di sopravvivenza per coppie”

Un libro scorrevolissimo che si legge in poco tempo il “Piccolo manuale di sopravvivenza per coppie” di Luciano Grigoletto (Edizioni San Paolo 2018).

Il libro fornisce degli esempi di dialoghi della vita di coppia comuni a molte persone. Discorsi tra i componenti di un rapporto a due, un uomo e una donna, che dimostrano come a volte i punti di vista possano essere completamente diversi e sia possibile non capirsi, pur parlando la stessa lingua e volendosi bene allo stesso modo. Continua a leggere

Segnalibri vincenti!

Sono risultata tra i primi cento finalisti dei quasi mille partecipanti al concorso indetto da Edizioni NPE che prevedeva la realizzazione di alcuni segnalibri. Non me l’aspettavo assolutamente!

Nell’e-mail che ho ricevuto c’era scritto: “Essendo tra i primi 100 vuol dire che avete fatto un ottimo lavoro e vi esortiamo a partecipare ancora in futuro, perché la prossima potrebbe essere la volta buona!”

Vorrei ringraziare NPE – Nicola Pesce Editore per aver apprezzato i miei segnalibri e per avermi regalato un buono da spendere nel loro sito edizioninpe.it.

Ed ecco il mio bottino di fumetti:

– “Detective Smullo – Mi sa che ho ucciso l’Uomo Ragno” (2014) di Davide La Rosa e Fabrizio Di Nicola

– “Questa è una storia di fantasmi” (2016) di Spampino

– “Commenti memorabili” (2015) di Fabrizio Biasibetti

Non vedo l’ora di leggerli!

Pensieri su… “Il diavolo in corpo”

“Il diavolo in corpo” di Raymond Radiguet è un altro di quei libri che non avrei mai immaginato di leggere. L’ho trovato in una bancarella di libri usati insieme ad altri libri, dai quali ho scoperto solo in seguito che erano stati realizzati altrettanti film. Dal libro di Radiguet infatti è stato liberamente tratto il film “Diavolo in corpo” di Marco Bellocchio (1986), che non ho visto.

Ho apprezzato molto il contributo “Racconto di un traduttore d’occasione” di Francesca Sanvitale, che ha tradotto questo romanzo in italiano nell’edizione l’Unità/ Einaudi del 1989, quella che ho letto. Un contributo che vi consiglio di leggere per quanto riguarda sia la traduzione di questo romanzo, che il processo traduttivo in generale.

Continua a leggere

Pensieri su… “La casa dei meravigliosi tramonti”

Ho pensato per una volta di cambiare genere e ho letto “La casa dei meravigliosi tramonti” (pubblicato a maggio 2018) di Heidi Swain. Ringrazio Newton Compton editori per questo invio di un genere che non è tra i miei preferiti, ma non mi va di trincerarmi dietro horror e thriller.

È un libro che mi ha fatto compagnia anche al mare e ci ho messo un po’ di tempo a leggerlo, non essendo il mio genere. La storia, comunque non mi ha entusiasmata. È l’eterno triangolo di una donna contesa tra due uomini.

Continua a leggere

Pensieri su… “La signora Miniver”

Sono rimasta piacevolmente sorpresa dalla lettura di “La signora Miniver” di Jan Struther.

Ero a una bancarella di libri usati con mia madre e stavo scegliendo dei libri: quattro a 2 euro e ne ho ricevuto un quinto in regalo! Dovendo arrivare a quattro libri, ho chiesto consiglio. E lei si è entusiasmata vedendo una copia di “La signora Miniver”. Aveva visto una serie a puntate che ne raccontava le simpatiche avventure. Sul web ho letto che ne è stato tratto anche un film ma drammatico, del 1942, diretto da William Wyle. Io non l’avevo mai sentita nominare. Mia madre ricordava la storia e si trattava di una sorta di commedia. Mi sono fidata e ho preso il libro. E ho fatto bene.

Continua a leggere

Pensieri su… “I doni della vita”

“I doni della vita” di Irène Némirovsky è un libro che mi ha davvero sorpresa. Stranamente i libri che mi capitano per caso sono quelli che mi piacciono di più. In questa occasione, questo volumetto stava per essere buttato! Già! Ma io l’ho preso con me e non credo che me ne separerò. È anche una prima edizione datata 2010. C’è anche una dedica destinata alla proprietaria originaria, che potrà riavere il libro quando vuole, se mi promette di trattarlo bene e di non abbandonarlo più. Ma ormai credo che abbia trovato una casa con me.

Continua a leggere