Pensieri su… “Il Club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey”

Non ringrazierò mai abbastanza Astoria Edizioni per l’invio di “Il Club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey” (2017) di Mary Ann Shaffer e Annie Barrows. È un romanzo epistolare e non me l’aspettavo. In ogni lettera c’è un pezzetto dell’anima e del temperamento del personaggio che l’ha scritta.

La storia comincia a Londra, città che porta ancora i segni della fine della seconda guerra mondiale. Una giovane scrittrice, Juliet, riceve una curiosa lettera da un uomo, Dawsey, che ha un suo libro. I due cominciano così a scriversi e la donna è sempre più curiosa. Lui fa parte del Club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey, nato durante l’occupazione tedesca dell’isola. Un nome a dir poco curioso. L’uomo comincia a raccontarle la storia e presto lascia la parola anche ad altri abitanti dell’isola per descrivere non solo il club del libro ma anche il periodo dell’occupazione e della guerra. Juliet viene così a sapere come quel momento storico ancora così vicino è stato vissuto sull’isola. Intanto inizia a frequentare un giovane editore, Mark, che sembra geloso del suo attuale editore, Sidney… Vi anticipo solo che non poteva mancare una storia d’amore…

Con tanta voglia di conoscere i protagonisti delle storie risalenti alla seconda guerra mondiale nelle isole del canale, Juliet vola a Guernsey, e non sarà la sola… Vorrebbe infatti scrivere un libro, raccogliendo le esperienze di tutti.

Aneddoti, risate, malintesi e scherzi sono all’ordine del giorno. E dai racconti spunta Elizabeth: una donna forte e anticonformista di cui nessuno ha avuto più notizie dopo la guerra…

Questo libro è come una fetta di torta in un pomeriggio d’estate, è la panna sulle fragole, è una canzone allegra in riva al mare. Mette di buonumore e offre uno spiraglio di umanità in un mondo che ha vissuto i terribili anni della seconda guerra mondiale e il periodo successivo, che ha portato con sé tristi ricordi, rimpianti e devastazione. Ma i personaggi di questo libro non si arrendono, non si sono mai arresi, né di fronte alla guerra, né davanti alle difficoltà della vita, piccole o grandi che siano.

Grazie al club del libro i partecipanti hanno conosciuto molti grandi scrittori e ne parlano nelle loro lettere come se fossero i loro vicini di casa.

Ci sarà anche un piccolo colpo di scena: nell’isola c’è un tesoro di cui nessuno sapeva niente e che verrà alla luce proprio grazie al club del libro… Vi lascio la sorpresa!

Il libro termina con i ringraziamenti di entrambe le autrici e con la postfazione dell’autrice originaria, Mary Ann Shaffer, purtroppo venuta a mancare, che ha dovuto chiedere a sua nipote Annie Barrows di aiutarla a finire il libro a causa della sua malattia. Vi consiglio di leggerle. Anne Borrows ha ragione: il Club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey vive ogni volta che qualcuno ne parla o ne scrive su internet. Perché, diciamolo, tutti quelli che leggono questo libro ne vorrebbero fare parte, e ne fanno parte di diritto grazie a questa meravigliosa lettura.

Pesce a impanatura 

Sempre grazie al nostro Ratatouille romano!

Per quattro persone
Tempo totale compresa la marinatura: 2 ore

Difficoltà: facile

 

Ingredienti

Filetti di pesce​ 700 gr.

1 finocchio

Piselli​ 400 gr.

Scorza di un limone

Succo di un limone

Menta​ mezzo cucchiaio raso

Prezzemolo​ un cucchiaio raso

Erba cipollina​ mezzo cucchiaio raso

Pane integrale grattugiato​ q.b.

Olio E.V.O. ​q.b.

Sale q.b.

Aceto di vino ​1 cucchiaino

Olio aromatizzato, ovvero Olio di frantoio ​q.b.

 

Preparazione

Tagliare il pesce (Pesce spada, oppure Spigola, oppure Merluzzo… Ma anche mazzancolle…) in tocchetti di 2 cm al massimo.

In una ciotola adeguata di ceramica preparare una marinatura con mezzo bicchiere di olio, erba cipollina, due pizzichi di sale, il succo di un limone e l’aceto di vino. Mescolare bene gli ingredienti e aggiungere i tocchetti di pesce. Impregnare bene il pesce con la marinatura badando che non resti molto materiale liquido in fondo alla ciotola.

Mettere la ciotola in frigorifero per un’ora.

Nel frattempo far bollire in un tegame il finocchio tagliato a pezzetti. A metà cottura aggiungere mezzo cucchiaio raso di sale e aggiungere i piselli.

A cottura ultimata, quando finocchio e piselli risulteranno morbidi, frullare il tutto aggiungendo la scorza del limone privata dell’eventuale parte bianca, la menta, il prezzemolo e la quantità di olio sufficiente per ottenere una crema densa e vellutata.

Al momento di estrarre il pesce marinato dal frigorifero, in una padella adeguata, porre circa mezzo bicchiere di olio. Attendere che sia caldissimo e posare a pioggia del pane grattugiato integrale facendolo rosolare per un minuto. Inserire poco per volta il pesce marinato e agitare con attenzione la padella estraendo il pesce quando sia ricoperto per intero dalla impanatura. Continuare in questo modo finché non sia finito il pesce, aggiungendo, se occorre, olio e pane grattugiato. Si raccomanda ancora di fare attenzione nello scuotere la padella.

 

Confezionamento del piatto

Per prima inserire la salsa, valutando le porzioni. Battere sotto il piatto con il dorso della mano per allargare il perimetro della salsa e farla posare.

A chi piace può spargere della paprica sulla salsa, senza esagerare.

Porre i tocchetti di pesce impanato sulla salsa, porzionando la quantità.

Il tocco finale è spruzzare sul pesce dell’olio aromatizzato a piacere. Ne esistono molti tipi in commercio.

Ma va bene anche dell’ottimo olio di frantoio (quello della bruschetta per intenderci!).

Può essere servito sia caldo che tiepido.

Se avanza del pane grattugiato rosolato, si può porre, all’incirca un cucchiaio, sulla salsa da una parte.

 

Al vostro appetito una buona soddisfazione.

Niente valori, siamo emancipati

Più mi guardo intorno e più quello che vedo non mi piace. Certo, ci sono delle eccezioni in positivo ma l’impressione è che i sentimenti contino poco e vengano continuamente calpestati e derisi. Vedo uomini che non si fanno scrupoli a cercarsi ragazzette qua e là, mentre la fidanzata li considera perfetti; vedo donne che ci stanno senza farsi tanti problemi, perché bisogna divertirsi per sentirsi emancipate; vedo che i valori oggi sono qualcosa che viene considerato zero da molte persone.
Di coppie felici se ne vedono ancora, certo. Ma non impegnarsi sembra comunque l’imperativo categorico di questo momento storico. Basta trincerarsi dietro alla mancanza di lavoro, dietro al non poter chiedere un mutuo per la casa, dietro al fatto che la cerimonia per il matrimonio costa e i figli anche. Niente soldi, niente impegno. E in parte è vero. Ma chi ama trova il modo di impegnarsi. Però quanti oggi hanno ancora voglia di costruire qualcosa con un’altra persona? E quanti hanno voglia di onorare per la vita l’impegno preso con qualcuno?
Se hai dei principi, dei sogni, degli ideali, per molti sei un perdente a prescindere. Nessuno può permettersi di giudicare nessuno, è vero. Ma di fronte a certe situazioni provo un potente stato di disagio. Però, intanto, tutti se ne vanno in giro sorridenti. Una bella maschera di sorriso a coprire il dolore o la finta inconsapevolezza di qualcosa che non va, magari proprio l’errore di mettersi sotto i piedi ogni valore. Tutti felici, tutti puliti. Per la serie: “Tradisco qualcuno che mi ama, e allora?”. Oppure: “Preferisco divertirmi piuttosto che prendermi l’impegno di una famiglia, e allora?”. Tutti giustificano tutto. Ma è normale che sia una buona apparenza la maschera di un mondo che va a rotoli? Però mi consolo: per fortuna non è sempre così.

Pensieri su… “Wintersong”

“Wintersong” (Newton Compton editori 2017) di S. Jae-Jones è una favola per ragazzi che calza a pennello anche agli adulti. Non è melensa e non è mai banale, non è noiosa, né superficiale. È una storia giovane, fresca e leggera, ma anche profonda, dolce e travolgente.

Trama

Una famiglia con tre figli e un’anziana nonna vive mandando avanti una locanda. La prima figlia, Liesl, si occupa di tutti; non è bellissima ma ha la musica nell’anima, è una compositrice. Sua sorella Käte è bella ed è fidanzata con l’uomo di cui Liesl è innamorata. E poi c’è il terzo figlio, Sepperl, giovane virtuoso del violino. Il ragazzo ha un’importante audizione nella locanda proprio mentre sua nonna Constanze, fedele alle antiche tradizioni, vuole spargere del sale su ogni soglia per impedire all’Erlkönig, il Re dei Goblin, di entrare in casa. L’inverno sta arrivando e lui uscirà presto dal sottosuolo per cercarsi una sposa. Un turbinio di eventi si susseguono prima dell’audizione. E Liesl, occupandosi del fratello, ha trascurato sua sorella. Dov’è finita Käte? Comincia così un duello tra l’Erlkönig e Liesl, che vuole salvare sua sorella dal Re dei Goblin, che l’ha portata nel suo regno. Ma la storia prende una piega inaspettata e la trama è più complicata di come potrebbe sembrare…

Considerazioni

Parte del romanzo si svolge nel Sottosuolo, nel regno del Re dei Goblin, e parte in superficie. Una cosa che non mi aspettavo era il sesso, la passione, che solo in seguito non sarà fine a se stessa ma accompagnata dall’amore. Il titolo preannuncia invece la presenza della musica: “Wintersong” significa infatti “canzone d’inverno” e questa storia tutta invernale è accompagnata da violini, pianoforti e flauti, spartiti, accordi e chiavi di violino. Una musica che sembra quasi di sentire…

Lettura scorrevolissima! Impossibile staccare gli occhi dal libro!

Ho notato molte somiglianze con il film “Labirinth – Dove tutto è possibile” (1986). Nel libro il Re dei Goblin manipola il tempo, le distanze e i ricordi della protagonista, ed è la stessa cosa che avviene nel film. Senza parlare poi del ballo in maschera, presente in entrambi. E poi la somiglianza nella trama: nel film il Re dei Goblin rapisce il fratellino della protagonista, Sarah, perché lei lo “desidera”, e nel libro l’Erlkönig rapisce la sorella di Liesl (Elisabeth), che se vuole qualcosa dai goblin deve dire “desidero”. Non ultima la musica, presente nel libro come un ulteriore personaggio, a volte sembra di sentirla; nel film è affidata alla voce di David Bowie. E nel film a interpretare il Re dei Goblin è proprio David Bowie, che sembra umano e non ha le sembianze dei piccoli, brutti e maliziosi goblin; nel libro il Re degli Elfi ha addirittura origini umane. Ed entrambi sono innamorati della protagonista. Non solo, il personaggio del libro e quello del film hanno entrambi capelli chiari che formano sulla testa una sorta di aureola. Un’ulteriore somiglianza con il film “Labirinth” sono le mani dei Goblin che formano occhi e bocca e un viso mentre Elisabeth scappa, e quel viso parla con le loro voci tutte insieme; nel film invece Sarah cade in una sorta di pozzo e tutto intorno delle mani formano occhi e bocche di diversi volti, e ognuno parla con una sua voce.

Molte parole sono in tedesco, visto che la storia è ambientata in Baviera. Il Re dei Goblin spesso viene definito “Erlkönig”, letteralmente “Il Re degli Elfi”. “Erlkönig” è anche una ballata di Johann Wolfgang von Goethe, scritta nel 1782, con adattamento musicale di Franz Schubert. La trama non ha nulla a che fare con il libro ma la parola “Erlkönig” me l’ha ricordata.

Altri personaggi del libro legati alla poesia tedesca sono le Lorelei, cioè le sirene. Ricordo la poesia di Heinrich Heine “Die Lorelei” (1824) che racconta proprio di una sirena che viene chiamata Lorelei. Le sirene nuotano in una lago sotterraneo. Nel lago c’è una barca senza remi che naviga senza essere guidata da chi è a bordo. Come in “Harry Potter e il Principe Mezzosangue”, quando Harry e Silente vanno a cercare uno degli Horcrux.

Non so perché ma Constanze, la nonna di Elisabeth, non me la racconta giusta… Perché si allarma tanto quando la nipote le confessa di aver parlato con l’Erlkönig? Perché non può dimenticare le antiche leggi e il mondo del Sottosuolo con l’Erlkönig?

Tutto mi aspettavo tranne che il tema della fede. L’Erlkönig, diceva Constanze, non crede in Dio. Ma questo Re dei Goblin sì.

Non credevo mi sarebbe piaciuto un libro per young adult ma ho voluto provare il genere. Questo scorre come l’acqua impetuosa di un ruscello. La lettura ti travolge e basta.

- – - Spoiler – - -

Qual è il nome del Re dei Goblin che ha conosciuto Elisabeth? Lui le ha chiesto di cercarla nel mondo di sopra, quindi di scoprire chi era veramente…

Chi è stata la prima moglie del primo Re dei Goblin? Come si chiamava? Da quello che ho capito, non era la moglie del Re che ha conosciuto Elisabeth ma di uno precedente. Lui l’amava e si dice siano usciti insieme dal Sottosuolo. Ma come hanno fatto? Cosa è successo di preciso?

La storia raffigurata nelle vetrate della cappella mostra le mogli del Re dei Goblin che ha conosciuto Elisabeth. Ma chi sono le precedenti, quelle degli altri re? E che fine ha fatto la prima, quella che i goblin non vogliono ricordare?

Perché ogni ritratto di ogni Re dei Goblin raffigura un uomo con occhi di colore diverso? È una caratteristica obbligatoria per diventare re o il colore cambia dopo il titolo?

Al Re dei Goblin che conosce Elisabeth viene chiesto se vuole diventarlo e lui accetta. Forse così anche lui potrebbe liberarsi dal fardello della corona e vivere di nuovo da mortale ma evidentemente non se la sente di condannare qualcun altro come è stato fatto con lui…

Elisabeth chiede al “suo” Re dei Goblin se l’avrebbe seguita nel mondo di sopra e lui risponde di sì, che con lei sarebbe andato ovunque. Ma sarebbe possibile? Elisabeth non è il tipo che si arrende.

Secondo me ci sarà un seguito…

Tonnarelli in salsa di cuscus

Ecco cosa ci propone per oggi il nostro Ratatouille romano! 

Tonnarelli in salsa di Cuscus 

Per quattro persone

Difficoltà : facile

Tempo: 30 minuti

 

Ingredienti

Tonnarelli freschi​ 300 gr.

Passata di pomodoro​ 2 bicchieri

Sedano​​​ una costina possibilmente con foglie

Carota ​​​una

Cipolla​​​mezza cipolla bianca

Salvia​​​ quindici foglie tritate

Olio E.V.O.​​ q.b.

Sale ​​​q.b.

 

Composto della salsa

Pomodori rossi​​ due

Cuscus ​​​equivalente di due bicchieri

Pepe nero​​ due cucchiaini rasi

Uovo​​​ uno

Menta tritata​​ due cucchiaini

Olio E.V.O.​​ q.b.

Sale ​​​q.b.

Preparazione

Tritare finemente il sedano, la carota e la cipolla evitando di formare una poltiglia. Unire il tutto alla passata, in una casseruola adeguata. Aggiungere mezzo bicchiere d’acqua e mezzo bicchiere di olio. Aggiustare di sale e cuocere a fuoco lento per circa venti minuti. Se il sugo si addensa troppo, aggiungere mezzo bicchiere di acqua.

È il momento di mettere sul fornello la pila d’acqua per cuocere i tonnarelli.

 

Per il composto della salsa lavare sotto l’acqua corrente i due pomodori rossi e tritarli grossolanamente. Porre questo trito in una ciotola adeguata che non sia di metallo, lasciandolo a crudo.

Sbattere l’uovo aggiungendo un pizzico di sale.

Cuocere il cuscus. Quando questo si sarà addensato aggiungere il trito di pomodori subito dopo aver spento il fornello. Aggiungere il pepe nero, la menta, due cucchiai di olio e un cucchiaino di sale.

Mentre si mischieranno questi ingredienti aggiungere poco a poco l’uovo sbattuto lasciando che cuocia e si addensi un po’ nella miscela calda.

Risulterà un composto di un piacevole arancione appena denso.

 

A cottura della pasta ultimata, porla in una ciotola e mischiarla solo al sugo preparato in precedenza.

 

Quando si comporrà il piatto, porre il composto con il cuscus sopra la montagnetta di pasta a coprire e, se piace, irrorare con olio aromatico &/o parmigiano grattugiato.

 

Al vostro appetito una buona soddisfazione.