Pensieri su… “Prova a dire abracadabra!”


Camelozampa non si smentisce mai! Posso solo ringraziare l’editore per l’invio di questo libro a copertina rigida e il buon odore di stampa che racconta la storia di un gufetto che aveva paura di volare: “Prova a dire abracadabra!” (2017) di Maria Loretta Giraldo, con illustrazioni di Nicoletta Bertelle.

Il protagonista è un piccolo gufo viola-fucsia che ha paura di volare. Gli altri uccelli suoi compagni di scuola hanno subito spiccato il volo ma lui è frenato dalla paura. 

Ogni animale ha come nome di battesimo quello della sua specie, ad esempio Merlo, Pertirosso e Passerotto. In questo modo è facile per un bambino riconoscere l’identità dei personaggi. 

Non tutti nella vita riusciamo al primo colpo. E la maestra lascia il piccolo gufo da solo sul ramo. Però ci sono gli amici ad aiutarlo: Tartaruga, Riccio e Topo. Tutti conoscono la magia della parola “abracadabra” e ho il sospetto che l’abbiano utilizzata anche loro in passato. Il piccolo gufo cadrà alcune volte ma alla fine spiccherà il volo, forte dell’esperienza di ogni caduta e aiutato dalla forza di volontà e dal coraggio che ci mette ogni volta che ripete la parola magica con convinzione. E poi sarà lui stesso ad aiutare chi ha paura di cimentarsi in qualcosa di nuovo…

Un linguaggio semplice e diretto in poche pagine da leggere con attenzione. La storia, facile da comprendere, arriva subito al cuore. Il lettore tifa immediatamente per il gufetto, incoraggiandolo con il cuore come fanno i suoi amici animali. E si comprende facilmente che quello che gli mancava era il coraggio di affrontare una grande prova. Ma non bisogna mai darsi per vinti, specialmete ancora prima ancora di aver provato.

I disegni dai colori decisi non rispecchiano la realtà delle cose ma la fantasia di un mondo immaginario e fantastico. I personaggi sono dolci ed espressivi, e colorati non in maniera omogenea ma come scoloriti o graffiati e questo li rende unici. Bellissime e romantiche le foglie blu degli alberi.

Un bel libro davvero. Me ne sono innamorata appena l’ho visto. Camelozampa non delude mai!

Pensieri su… “Zagazoo”

“Zagazoo” di Quentin Blake è un gentile regalo della casa editrice Camelozampa. Un libro meraviglioso uscito quest’anno. Quando il postino ha suonato al citofono e ho visto il pacchetto, ho capito subito di cosa si trattava! Una vera meraviglia a copertina rigida!

Ebbene sì: ci ho messo poco a leggerlo, si tratta di un libro illustrato per bambini con un testo scritto a caratteri grandi, inframezzato da delicate illustrazioni. Un tesoro firmato Quentin Blake!

La storia è molto carina da far leggere ai bambini o da condividere ad alta voce con loro. Ma Quentin Blake ci dà di più. Una storia divertente per un bambino ma che può far riflettere e commuovere veramente un adulto.

Protagonista è una coppia che un giorno riceve in dono “Zagazoo”, un bambino che nelle fasi della vita prende la forma di vari animali (come un avvoltoio urlante o un cinghiale) e crea piccoli problemi nella tranquilla vita di coppia dei due. Poi un giorno Zagazoo, quasi un uomo, si trasforma improvvisamente… In pratica, diventa come i suoi genitori. Ma il tempo passa… Zagazoo è diventato un adulto ma cosa accadrà ai genitori con il trascorrere del tempo?

Una metafora della vita e della nostra condizione fisica. Siamo bambini e cinghiali che rompono tutto e poi anziani e… lo scoprirete!

L’importante è avere accanto le persone che amiamo, che si prenderanno cura di noi, qualsiasi forma e comportamenti assumeremo. Si chiama amore. Si chiama vita. Leggetelo, è un libro tenerissimo. E forse il messaggio è talmente profondo e sottile da essere più adatto agli adulti che ai bambini; perché i piccoli rideranno e si divertiranno a leggere questa divertente storia ma solo più in là ne apprezzeranno il vero significato.

Pensieri su… “Natale su tutti i piani”

Un dolcissimo libro per bambini “Natale su tutti i piani” di Marie Aude Murail, illustrato da Boiry (Camelozampa 2016). Un tesoro, una chicca. Un romanzo per piccoli lettori che non è scontato come potrebbe sembrare.

Ho cominciato a leggerlo pensando che il Natale avrebbe risolto tutti i problemi ma mi sbagliavo. La trama è tutt’altro che scontata. Una giovane sarta, Jeanne, si occupa del fratellino malato Hugues. Il bambino vorrebbe tanto leggere ma lei non glielo può insegnare, perché è analfabeta. Conoscono solo qualche lettera. La ragazza, che vive all’ultimo piano di un palazzo con il fratellino, lavora per una ricca signora che vive ai piani bassi. E lì, vedendo che il figlio della donna getta un libro un tavolo, ne approfitta per nascondere un secondo volume che cade per terra. Ma di che libro si tratta? Suo fratello apprezza molto quel regalo, anche se sospetta il furto. Ma Jeanne ha paura di essere scoperta. E comunque lei e il Hugues non sanno leggere: cosa se ne faranno?

Al piano sotto al loro vive un ragazzo. Come si chiami e cosa faccia nella vita sono misteri per Jeanne. Si salutano e grazie a quel libro cominciano a parlare, perché il giovane sa leggere. Poi Jeanne prende una drastica decisione riguardo al libro e si trova a dover affrontare un terribile Natale, quello che crede l’ultimo per suo fratello. Per fortuna c’è una persona che ha delle competenze inaspettate… 

Una storia che descrive l’amore per lettura e per la scrittura. E ci vuole insegnare che non bisogna dare per scontate queste competenze che tanto ci semplificano la vita. Questo non è un racconto di fantasia ma sulla dura realtà ottocentesca, ottimamente descritta anche attraverso illustrazioni che mostrano gli abiti dell’epoca e gli interni delle case. L’atmosfera è magica e l’ambientazione ricorda Dickens.

Ma questa non è una storia sul Natale: solo che sarà proprio il giorno di Natale a dare una svolta positiva alle vite di tre persone. Però non fatemi svelare altro. Una favola che sono sicura i bambini apprezzeranno. E anche i grandi. Da leggere.

Appena arrivato “Natale su tutti i piani” di Marie-Aude Murail

Non potrò mai ringraziare adeguatamente Camelozampa per i meravigliosi volumi per bambini che mi ha inviato! Proprio oggi è arrivato “Natale su tutti i piani” (Camelozampa 2016) di Marie-Aude Murail, con le illustrazioni di Boiry. E non riesco a trattenermi: le illustrazioni sono meravigliose! Sembra di entrare in un altro mondo solo a sfogliarle casualmente, come ho fatto io appena ricevuto il libro. Grazie di cuore all’editore per questo prezioso regalo! Comincio a leggere…

Di seguito la trama:
Fa freddo a Parigi, in questo dicembre 1843. Per il piccolo Hugues, che è malato, è forse l’ultimo Natale. Il più bel regalo che la sua sorella maggiore potrebbe fargli sarebbe di insegnargli a leggere. Ma, ecco, Jeanne non sa leggere nemmeno lei. Oh, se solo possedesse un libro, un libro soltanto, riuscirebbe a penetrare il segreto delle parole! Di libri ce ne sono tanti, dai ricchi vicini dove Jeanne lavora come sarta. Cosa succederebbe se ne rubasse uno?
Un delizioso racconto natalizio dalle atmosfere dickensiane, un omaggio all’amore per la lettura.

Ben arrivato, “Zagazoo” di Quentin Blake!

Sorpresissima di Camelozampa: “Zagazoo” di Quentin Blake! Bellissime le illustrazioni di questo capolavoro per i più piccoli finalmente in Italia! Non vedo l’ora di leggerlo!

Intanto vi lascio la trama:

Una storia spiritosa e commovente sull’arrivo di un bambino, la crescita, la vita.

Da quando il postino ha portato uno strano pacchetto, la vita di George e Bella è stravolta! Dentro c’è Zagazoo, un’adorabile creaturina rosa. Che un giorno, però, si trasforma in un avvoltoio urlante. Poi in un elefante che rovescia ogni cosa. A volte diventa un cinghiale, altre un drago sputafuoco o un pipistrello. E alla fine, una creatura coperta di peli che non smette più di crescere! Ma un giorno…

Ne approfitto anche per fare gli auguri alla casa editrice che festeggia 5 anni di attività!

Pensieri su… “Spino”

Che dire! Un libro troppo troppo troppo carino! “Spino” (Camelozampa 2016), scritto e illustrato da Ilaria Guarducci, è assolutamente da leggere! Credo proprio che questa storia piacerà ai bambini e farà anche sorridere gli adulti!

Quando ha suonato il postino e ho visto il pacchetto con il timbro dell’editore Camelozampa, mi sono ritrovata a dire ad alta voce: “È Spino!”. Grazie ancora a Camelozampa per questo atteso e gradito regalo!

Spino è un animale non meglio identificato (forse un riccio o un istrice) tutto ricoperto di aculei. Il suo aspetto minaccioso lo spinge ad essere cattivo, è anche andato a una scuola per cattivi! Ma poi un giorno, Spino comincia a perdere le sue spine… Cambieranno anche il suo carattere ombroso e la sua indole malvagia? Ma Spino è davvero cattivo o è solo convinto di esserlo?

Che dire: lo adoro! Amo i libri per bambini e questo è semplice, diretto e dà un insegnamento positivo ai più piccoli: noi siamo chi vogliamo essere, non quello che gli altri si aspettano che siamo. Mi sono affezionata a Spino! I disegni sono anche questi semplici, divertenti, non troppo definiti e molto d’effetto.

Mi sembra già di sentire la voce dei bambini alla fine del libro: “Lo rileggiamo?”, “Guardiamo le figure?”.

E l’odore del libro! Che odore! Quel profumo forte e intenso di pagine colorate! Mmmmmmh!

Un piccolo tesoro a copertina rigida da leggere e rileggere.